Le 5 Cose da fare a Matera

Sentiamo spesso parlare di Matera, ma sappiamo davvero cosa nasconde questa piccola città? Ecco le 5 cose da fare a Matera! 1) Visitare i “Sassi” I “Sassi” sono probabilmente la prima cosa a cui pensi quando si parla di Matera. Questi sono in il centro storico della città, e in particolare sono un groviglio di […]

Sentiamo spesso parlare di Matera, ma sappiamo davvero cosa nasconde questa piccola città?
Ecco le 5 cose da fare a Matera!

1) Visitare i “Sassi”

I “Sassi” sono probabilmente la prima cosa a cui pensi quando si parla di Matera. Questi sono in il centro storico della città, e in particolare sono un groviglio di vicoli, chiese e case antiche, questi quartieri presentano tracce del passato e degli eventi che hanno avuto luogo in questa città. Questa enorme “scultura”, preservata dal Paleolitico ai giorni nostri, mostra il modo di vivere nelle grotte. Allo stesso tempo, nelle vicinanze di questo storico marchio del Paleolitico ci sono più case moderne. Sappiamo che ogni epoca della storia umana ha avuto la propria casa, qui a Matera è possibile ripercorrere questa evoluzione.
Inoltre questa città testimonia come gli uomini possano sfruttare la natura senza danneggiarla. Oggi Sassi di Matera sono un patrimonio mondiale dell’Unesco, in lista come “sito culturale”.

2) Visitare La Cattedrale di Matera

Sulla sommità della collina della città c’è la Cattedrale, che offre una splendida vista del “Sasso Barisano”. Questa chiesa risale al XIII secolo ed è stata costruita sui resti di una chiesa più antica: la chiesa di Sant’Eustachio. L’esterno presenta un rosone con 16 colonnine, e il campanile è in stile romanico-pugliese; l’interno è composto da una navata centrale e due navate con pianta a croce latina, e ospita opere esemplari di arte barocca. Il presepe di pietra è un “monumento” assolutamente da guardare, realizzato nel 1534 da Altobello Persio, è nella Basilica, dove è anche possibile vedere: il sarcofago che contiene le spoglie di San Giovanni a Matera, un affresco bizantino del XIII secolo raffigurante la Madonna con Bambino, un coro ligneo nell’abside e un affresco del Giudizio Universale, che è stato recentemente restaurato. La Cattedrale è dedicata alla Madonna della Bruna, che è il Santo Patrono di Matera, e si celebra il 2 luglio.

3) Visitare le Riserve naturali a Matera

Le riserve naturali, i parchi e le oasi protette che hanno caratterizzato tutto il territorio della Basilicata in un interessante incontro tra natura e cultura. Qui ci sono rare specie faunistiche e floristiche, e importanti reperti archeologici. Il “Parco della Murgia”, La “Riserva Regionale San Giuliano” e il Colle Timmari, sono aree naturali che si possono visitare a Matera. Nell’altopiano della Murgia vi sono i resti di antichi villaggi neolitici. Il lago San Giuliano è noto per la sua area protetta per la fauna selvatica e gli uccelli. Ci sono quasi 140 specie di uccelli diversi. Inutile dire che si tratta di un vero e proprio paradiso per il bird watching. Il colle Timmari è una piccola località residenziale che dominano il lago di San Giuliano ed è un importante area archeologica.

4) Visitare le Chiese rupestri di Matera

Le prime chiese rupestri risalgono al Medioevo, quando il monachesimo diventa popolare nella comunità cattolica di quel tempo. Questi luoghi di culto sono scavati nel tufo e sono un tratto distintivo di tutto il territorio di Matera: Cripta, eremo, basiliche e monastero sono sparsi in tutto il tessuto urbano dei Sassi, nel corso dei precipizi o sull’altopiano della Murgia. Le chiese scavano nella roccia con il loro virtuosismo architettonico e i loro affreschi sono eccezionali opere d’arte e esempi di architettura, a cui i residenti locali erano perfettamente abituati visto che anche le case sono state costruite nello stesso modo. In un gruppo eterogeneo e armonico, in cui chiese ortodosse sono collocate fianco a fianco con le chiese cattoliche, questi edifici testimoniano lo sviluppo e il livello culturale raggiunto da queste comunità. Di Santa Lucia e Agata delle Malve, Santa Maria de Idris e Santa Barbara sono solo alcune delle circa 150 chiese rupestri costruite nel territorio di tutta Matera.

5) Visitare La casa grotta di Matera

La casa grotta di Vico Solitario è l’unica opportunità che avete per capire come era la vita in queste case scavate nella roccia. Queste case sono state evacuate negli anni ’50 per ordine del primo ministro Alcide de Gasperi che iniziò un piano di recupero della zona. Un enorme cavità rocciosa è l’ingresso della casa, dove ci sono riprodotti tutti gli oggetti, gli strumenti di lavoro e gli arredi. Il materasso in shucks mais, il piccolo stabile dove una volta c’era un mulo. Questa casa-grotta oggi è un piccolo museo grazie alla GTM (Gruppo Teatro Matera, associazione culturale), che si prende cura di questo luogo.

Cerca

Scopri Cosa Fare a Matera

Scopri dove dormire a Matera?